English Español Français Deutsch Italiano Český Polski Русский Română Українська Português Eesti 中文

Conoscere Dio al giorno d'oggi, sviluppo e significato della vita.
Metodologia dello Sviluppo Spirituale.

 
I bagni invernali all’aperto
 

L’Ecopsicologia/I bagni invernali all’aperto


I bagni invernali all’aperto

Uno dei migliori metodi del rafforzamento della salute e anche dell’aumento della potenza energetica dell’organismo è praticare i bagni invernali all’aperto.

È stato dimostrato che la quantità dei casi del raffreddore, praticando i bagni nell’acqua ghiacciata, diminuisce di 60 volte e negli altri casi di 30 volte. Questo metodo può guarire anche il mal di schiena, l’ipertensione, la tubercolosi, il diabete, le malattie dello stomaco e dell’intestino, le infiammazioni degli organi sessuali, le malattie della pelle ecc. [23,29].

Si può cominciare a fare i bagni nell’acqua ghiacciata non soltanto d’autunno, ma anche durante l’inverno. Ma prima bisognerebbe acquisire i metodi dell’autoregolazione psichica. In tale caso questo favorisce il rafforzamento della capacità di vivere nei sottili stati psichici.

L’uscire fuori al freddo senza vestiti e fare il bagno nell’acqua ghiacciata diventa non soltanto l’atto della forza della volontà, ma anche un esperimento su se stesso, sulla capacità di rimanere negli stati sottili in ambienti sfavorevoli. È molto utile staccarsi al massimo dalle percezioni del corpo e soltanto osservarle dalla profondità dei sottili piani dello spazio che ci circonda.

Sul “colpo del freddo” l’organismo risponde con lo stress energetico che potrebbe essere accompagnato dalle emozioni positive o negative. Tutto dipende dallo stato iniziale e dalla capacità dell’autoregolazione psichica. Il sistema energetico dell’organismo aumenta bruscamente la sua attività. Parte l’intensiva formazione del caldo. Lo stato psichico iniziale e lo stacco dalla percezione del corpo permettono di non sentire il freddo nell’aria e nell’acqua anche con la temperatura sotto zero. Dopo l’uscita dall’acqua durante 10-20 minuti non si sente il freddo e a volte si sente il caldo grazie alla continua formazione della grande quantità di caldo dall’organismo. Ma poi le risorse dell’organismo si esauriscono e appare il brivido e il tremito. Continuando l’allenamento, l’intensità di questi fenomeni diminuisce. Per scaldarsi in questi momenti si possono fare movimenti attivi nell’ambiente caldo o vicino al fuoco. Proprio questi stress e lo svuotamento del sistema energetico lo allenano e aumentano la sua mobilità e la capienza energetica.

Bisogna bagnare necessariamente la testa. Entrando nell’acqua, bisogna immergersi a fondo e subito tornare fuori, attendere finché non si calma la respirazione, dopo di ché rientrare nell’acqua fermando il respiro. Proprio in questo momento si può osservare dell’energia oscura che esce dal corpo e vola via, portando la guarigione.

In Russia, Porfirio Korneevich Ivanov, con la sua vita, ha dimostrato la possibilità dell’armonica unione con la natura in tutte le sue manifestazioni. Anche quando la temperatura scendeva sotto zero lui si trovava fuori di casa vestito soltanto con le mutande ed era scalzo, faceva il bagno all’aperto più di una volta al giorno, si versava l’acqua ghiacciata addosso d’inverno direttamente dal pozzo e dormiva senza vestiti sulla neve.

Sicuramente il bagno nell’acqua ghiacciata è una procedura del rinforzamento dell’organismo più efficace, ma se vicino alla vostra casa non c’è il fiume o il lago si può immergersi nella vasca con l’acqua ghiacciata. Durante l’inverno se avete la possibilità distendetevi senza vestiti sulla neve.

Bisogna considerare che l’acqua superiore a 8 gradi non fa partire il processo energetico. Fare il bagno in tale acqua è poco effettivo e quelli che non sono allenati rischiano di prendere il raffreddore.

Le procedure del freddo si possono praticare anche durante gli allenamenti speciali, per togliere la sensazione della stanchezza, nel caso in cui, per diversa causa, abbiamo perso l’armonia interna o abbiamo smesso di vedere in noi la luce.

Tutte le procedure del freddo devono necessariamente essere accompagnate dall’autoregolazione psichica e non soltanto tramite l’atto della volontà. Non bisogna mai cercare di aumentare l’effetto tramite bruschi sbalzi di temperatura. Per esempio: se noi vogliamo buttarci l’acqua fredda addosso, dal secchio rovesciandolo, prima immergiamo le mani e sentiamo come i flussi della freschezza e della gioia ci salgano lungo le braccia. Dopo laviamo il viso e sentiamo come tramite esso la freschezza e la gioia entrano in noi. Buttiamo un po’ d’acqua sulla nostra testa, immaginando che questa sia l’acqua della neve sciolta dal sole primaverile, che questa sia proprio la primavera. E allora apparirà un sincero desiderio di riunirci a quest’acqua con tutto il corpo!

Dopo di tutto questo osserviamo i processi energetici nell’organismo. Lì si può vedere luminosa luce-fuoco di colore bianco che bisogna cercare di fare ardere ugualmente in tutto lo spazio dentro il corpo. Questo fuoco ha anche la possibilità di curare.

Come conclusione vorrei aggiungere che anche senza l’insegnamento preparativo dell’autoregolazione psichica i bagni nell’acqua ghiacciata hanno salvato tante persone dalle gravissime malattie che erano considerate come non curabili come per esempio il cancro. Noi conosciamo tantissimi casi di guarigione tramite questo metodo da gravi malattie delle vie respiratorie. Esiste l’esperienza della guarigione anche dei bambini e questo merita di essere studiata seriamente.

Ma bisogna ricordare che questo metodo non può essere considerato come la medicina contro tutte le malattie. Per esempio con le malattie croniche che sono accompagnate dalla febbre questo metodo non da sempre l’effetto positivo. Perché in questo caso l’organismo non ha più le risorse energetiche che potrebbero essere attivate durante il bagno nell’acqua ghiacciata.

In tale caso possono essere d’aiuto i bagni nell’acqua ad alta temperatura [31].

È vietato forzare la persona a fare il bagno nell’acqua ghiacciata anche per cercare di guarirla, perché proprio il desiderio e lo stato preparativo psichico garantiscono l’effetto.

<<< >>>



 
Pagina principaleLibriArticoliFilm spiritualiLe fotoScreensaversI nostri sitiCollegamentiSu di noiContatto